Soul- quando un’anima si perde

Per colpa del Covid-19 che ormai ha limitato le nostre vite facendo chiudere la maggior parte dei luoghi pubblici, “ Soul” è stato trasmesso in anteprima su Disney+ durante le vacanze natalizie e noi ne abbiamo approfittato per gustarcelo a casa, comodamente seduti sul nostro divano rosso mentre sgranocchiavamo un cestino di pop corn.


È l’ultimo film firmato Disney Pixar e per quanto molti affermino che non sia un film per bambini, io credo fermamente che queste persone si sbaglino. Se i nostri bambini sono stati in grado di superare una pandemia ed imparare a seguire tante regole, credo anche che siano pronti a ricevere una riflessione sulla vita, perché “Soul” è questo alla fine.


Come ognuno di noi Joe Gardner ha un sogno nel cassetto, diventare un famoso musicista. Nella quotidianità è un insegnante di musica insoddisfatto della sua vita e costantemente pressato dalla madre che vorrebbe vederlo economicamente sistemato.


Il giorno in cui sembra aver realizzato il suo sogno cade in un tombino ed entra in coma. La sua anima raggiunge “ l’ante morte” un mondo parallelo in cui tutte le anime passano prima di raggiungere la destinazione finale. Nella speranza di ritornare sulla terra si finge un mentore per le giovani anime che devono affrontare l’esperienza della nascita e le viene affidata la più tosta.


22 infatti crede che vivere non abbia senso e sfodera un atteggiamento arrogante per nascondere la sua paura di non essere all’altezza.


Joe, che non è sicuramente un uomo che si tira indietro, accetta la sfida eaiuta 22 a conquistare la sua promozione con l’intento di utilizzare il suo pass per tornare sulla terra.


Per un errore di calcolo entrambi raggiungono la terra ma Joe prende in prestito il corpo di un gatto e 22 quello del suo mentore.


È da qui che cominciano quegli episodi che per molti possono essere banali ma che agli occhi di un bambino possono diventare meravigliosi insegnamenti. Joe, sotto le sembianze del gatto insegna a 22 cos’è l’essenza della felicità attraverso le piccole cose come il sapore di uno spicchio di pizza o la sinfonia che fuoriesce da un pianoforte. 22 a poco a poco impara che “insieme” si può dare un senso alla vita.


La magia però svanisce quando Joe compie un gesto brusco nei confronti della piccola anima perché le parole, in particolar modo se rivolte ai bambini, possono aprire profonde ferite.


22 scompare nella dimensione delle anime perse. Questo è il punto esatto che mi ha fatto riflettere di più. Mi ha fatto pensare alla società in cui viviamo, nella quale ci sono più teste rivolte verso gli schermi che verso le persone. Anime perse senza ambizioni, troppo prese dalla frenesia per coltivare le proprie passioni che sono il sale della vita.

Soul è un inno alla vita, che cerca di trasmettere l’importanza del vivere qui e ora curando l’io interiore anche grazie a ciò che c’è fuori. Questo film vorrebbe consigliarci che non è importante focalizzarsi solo sui grandi obiettivi in quanto è mentre si percorre la strada che arrivano le grandi soddisfazioni. La vita alla fine è quella cosa che accade mentre ci si guarda indietro e si rincorre il futuro.

Francesca

No Comments

Post A Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi