Ho sposato un maschilista

Titolo: Ho sposato un maschilista
Autore: Joanne Bonny
Casa Editrice: Newton Compton Editori
Prezzo Formato Kindle: 2,99 €
Prezzo Formato Cartaceo: 16,90 €

Trama:

Dopo essersi vista negare ingiustamente la meritata promozione, la giornalista Emma Fontana decide di fondare una rivista per donne, «Revolution». Ma proprio quando sta per essere eletta femminista dell’anno, Emma scopre che i suoi migliori amici l’hanno iscritta al reality show Chi vuol sposare un milionario? Per dieci giorni il giovane e ricchissimo Marco Bernardi ospiterà venti ragazze nella sua villa e sceglierà tra loro la sua fidanzata. All’inizio Emma è furiosa solo all’idea di dover competere per sedurre un maschilista fatto e finito, e parte per Como con l’obiettivo di approfittare della ghiotta occasione per screditare lo show. La sua missione si rivela però più ardua del previsto, a causa delle prove imbarazzanti, dell’atteggiamento sessista di Marco e delle concorrenti pronte a tutto pur di diventare la futura signora Bernardi. A complicare le cose ci si mette anche il fratello maggiore di Marco, Leonardo, tanto affascinante quanto sospettoso delle reali intenzioni di Emma. Mentre i suoi sentimenti nei confronti dei fratelli Bernardi si fanno ogni giorno più intricati, Emma si troverà a mettere in discussione certezze e pregiudizi: e se in fondo fosse lei stessa la sua avversaria più pericolosa?

Recensione:

Ho letto questo libro per ben due volte e sono certa che non saranno le uniche. Quando un libro mi piace, almeno una volta all’anno gradisco la sua compagnia, come se fosse un vecchio amico che vive lontano e di tanto in tanto viene a farmi visita.

Ho deciso di acquistarlo perché tratta un tema a me caro, “il femminismo”. E’ vero è un romanzo rosa ed è incentrato sull’amore, ma come mi capita spesso, questo genere di libri, seppur vengano snobbati da molti perchè ritenuti frivoli a me danno modo di riflettere su temi di rilievo raccontati con leggerezza.

Tra le pagine di questo romanzo non si parla solo di diritti delle donne o di ciò che è giusto fare per avere la stessa considerazione degli uomini. Esso parla anche dell’altra faccia della medaglia e cioè di tutte quelle donne che pur di raggiungere il proprio obiettivo calpestano valori come l’onestà e l’amicizia. A differenza degli uomini che tra loro non hanno rivalità ma sono solidali l’uno con l’altro, alcune donne invece di provare felicità nei confronti di coloro che raggiungono gli obiettivi provano invidia e si sentono in competizione. E’ tutto vero… e a me questo genere di atteggiamento fa schifo !!!

Ho apprezzato l’evoluzione di Emma, che è stata capace di mettere in discussione le sue convinzioni più radicate, abbandonarle e cambiare. L’ho adorata quando in barba alle regole ha aiutato, consolato e distribuito consigli alle altre concorrenti, perché il vero femminismo è questo: collaborazione, sorellanza e rispetto.

E poi c’è il rapporto con Marco, che come si vedrà pagina dopo pagina è un personaggio dalle mille sfaccettature, diventato quel che è per colpa del suo passato e delle delusioni subite.

Joanne Bonny ha fatto un ottimo lavoro con questo romanzo.E’ fresco, leggero e al tempo stesso capace di farci riflettere sul fatto che nella vita ci vuole equilibrio. Non può essere tutta bianca o tutta nera, la vita è fatta di sfumature.

E infine, un altro insegnamento che secondo me ci ha voluto lasciare è quello legato alla forza di ognuno di noi. E’ decisamente bello essere forti ed indipendenti, ma è altrettanto bello avere accanto qualcuno su cui contare per combattere le proprie battaglie in compagnia.

Buona Lettura !!!

No Comments

Post A Comment