Ci vediamo domani se non piove

Titolo: Ci vediamo domani se non piove
Autore: Joanne Bonny
Casa Editrice: Newton Compton Editori
Prezzo formato Kindle: 2,99 €
Prezzo formato Cartaceo: 10,90 €
Tipologia: Romanzo Contemporaneo

Recensione:

L’amore arriva quando meno te lo aspetti, nella maniera più strana e con la persona con cui non avresti mai creduto potesse accadere. Questo potrebbe essere il riassunto del secondo romanzo di Joanne Bonny, ma sicuramente non basta per trasmettere la sua vera essenza. “Ci vediamo domani se non piove” è un libro adatto alle sognatrici, a tutte coloro che sperano nell’amore vero, quello che capita una volta sola, perché Sara è proprio così, ancorata al ricordo dell’amore vissuto dai suoi nonni. Ma visto che tutto ciò non è ancora arrivato, un giorno per caso e consapevole del fatto che sarebbe stato solo un gioco, decise di farsi predire il futuro da una veggente. Inizialmente non da molta importanza alle parole della donna visto che è presa dal suo lavoro e impegnato a contrastare i bastoni tra le ruote che un tipo cerca di metterle durante la mostra più importante della sua vita. Quell’uomo è Diego Ferrari, di lavoro fa il procacciatore d’affari e nel tempo libero si diverte a rendere la vita della nostra protagonista un inferno. Sara non rispecchia il suo ideale di donna, ma nonostante i loro incontri siano più che altro animati da battibecchi, il suo stato d’animo è quieto quando sta con lei. I due stringono un accordo. Diego dovrà aiutare Sara a prepararsi per il giorno in cui incontrerà l’amore della sua vita come aveva predetto la veggente. Grazie a questi incontri la cultura fa da contorno al romanzo con film in bianco e nero e con balli degli anni venti e trenta, dove la sensualità non era data da un sedere che si dimena dentro un vestito quasi invisibile, ma la si scorgeva negli sguardi dei due ballerini, tra un passo e l’altro di tango, valzer e tip tap. Sara cerca con tutto il suo cuore di far realizzare la profezia, ma come tutte le cose anche in questo caso ci vuole un’interpretazione personale. E mentre lei cerca le risposte lontano, forse esse sono proprio al suo fianco. Quasi sempre l’idea dell’amore è legata alla parola “perfezione”, ma solo dopo ci si accorge che in un rapporto tra due persone non c’è niente di perfetto, ma ci sono soltanto due cuori che si completano e combattono assieme le avversità. Nulla va dato per scontato, l’amore è imprevedibile e bisogna mettersi in gioco senza paura. Questo è un romanzo che racconta quel sentimento chiamato amore, fatto di battibecchi, risate, lacrime, errori e in cui quando ci si accorge di aver sbagliato si chiede scusa. Il romanzo si lascia leggere con piacere seppur sia meno ironico e divertente del primo di cui vi parleremo tra qualche settimana. Buona Lettura!

Trama:

Ma dai, che sarà mai organizzare una mostra di un artista ucraino sconosciuto che ritrae solo animali spappolati? In fondo sei la direttrice della nuova galleria di arte contemporanea in Brera a Milano e questa mostra sarà solo… determinante! Non è facile addormentarsi quando i pensieri si scontrano e rimbalzano come tante palline di un flipper, e la testa di Sara sta letteralmente andando in tilt. E come se non bastasse l’ansia da inaugurazione, ci si è messa anche sua madre, che vuole trovarle un fidanzato… Proprio a lei, che sogna l’amore quello vero, romantico, con la A maiuscola, quello che capita una volta sola nella vita. Se e quando, però, non è dato saperlo… La sera dell’inaugurazione è arrivata e Sara non deve distrarsi se vuole che tutto vada per il verso giusto… ma chi è quel tipo che sta denigrando senza mezzi termini le opere esposte facendo ridere tutti? No, no, Sara, non è così che doveva andare…

No Comments

Post A Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi