Capodanno a New York

Solo un giorno ci divide dalla fine di questo 2019, un altro decennio vola via! Siamo pronti a entrare in questo nuovo ventennio?! Forse non lo sapremo mai.

Presa un po’ dalla malinconia e un po’ a causa dell’influenza durante le feste, ho deciso di guardare Capodanno a New York: è uno di quei film che piace guardare durante le feste. Rientra perfettamente nella fascia di quei film ricercati da tutti: divertente, romantico e, in un certo senso, consolatorio. Strutturato su un insieme di storie ambientate a New York nella notte di capodanno dove ogni gruppo di personaggi affronta mille e una avventura per raggiungere il proprio scopo.

È sostanzialmente una commedia ricca di colpi di scena, divertente e che tiene incollati allo schermo. Ogni storia è particolare, dialoghi sono divertenti e scorrevoli. Per alcuni potrebbe essere un neo, ma per me è una nota positiva, il patriottismo americano presente in quasi tutto il film; alcuni potrebbero gridare al cliché, a me scalda il cuore.

Trama

A New York, la vigilia di capodanno, alcune persone attendono il nuovo anno affrontando nuove avventure, dovendo rimediare a vecchi errori, in compagnia di vecchi amici o accanto ai propri cari; ma ognuno alla fine troverà un motivo in più per festeggiare. Tra queste ci sono Claire, la quale deve far in modo che la caduta annuale della sfera a Times Square vada liscio come l’olio, il tutto in tempo per andare a trovare il padre Stan Harris in fin di vita che muore vedendo la caduta della sfera di Times Square con la figlia, come facevano ogni vigilia di Capodanno insieme.

L’infermiera di Stan, Aimee, che terminato il turno lavorativo si collega con il computer dell’ospedale con il fidanzato, militare in missione lontano da New York, con il quale si intrattiene per poco tempo, visto che il fidanzato riceve un’improvvisa chiamata.

Tess e il marito Griffin, assistiti da un’infermiera vogliono far nascere il primo bambino nel 2012, inaugurando una buffa competizione con un’altra coppia in gravidanza. Dopo numerose peripezie Tess partorisce per prima, ma inteneriti dai figli dell’altra coppia molto felici di avere un fratello dichiarano di aver partorito per secondi.

Una star della musica, Jensen, mentre si prepara per il concerto di mezzanotte, cerca di ricongiungersi con la sua vecchia fiamma, la chef Laura, abbandonata esattamente il capodanno precedente, che dopo aver resistito alle avance si ricongiunge con l’ex amante.

Ingrid, segretaria stressata, si licenzia dal dispotico capo per realizzare una lunga lista di desideri non avverati in tanti anni, con l’ausilio del giovane e attraente Paul. I due alla fine inizieranno una stabile relazione.

Il fumettista depresso Randy, che odia totalmente la festa di capodanno, visto che ha avuto una delusione amorosa in un passato capodanno, rimane bloccato in ascensore con la corista Elise, della quale si innamora, corrisposto. Ma una volta sbloccato l’ascensore, Elise va a cantare per il concerto a Times Square, dove Randy assiste, per poi intrecciare una relazione con lui.

Infine Kim è madre single neo-divorziata della giovane Hailey, che ha in programma un bacio a mezzanotte con Seth, ma dato che la madre glielo impedisce la ragazza scappa di casa. Hailey riesce a baciarsi e a ottenere il permesso di uscire con il fidanzato, pur entrando in punizione. Ritrovandosi sola, Kim si incontra con il playboy Sam, con cui si era data un appuntamento il capodanno precedente.

No Comments

Post A Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi